La localizzazione: il processo che dà la svolta ai prodotti e alle parole sui mercati esteri

Chiariamolo subito: questo articolo non parla di spionaggio o di tracciamento di figli, fidanzati o laptop. La localizzazione (non geo-localizzazione) è una strategia pensata per portare testi e prodotti speciali in un altro mercato, con un rinforzo speciale che va oltre la traduzione. Certo, tutti i prodotti e tutti i testi sono speciali, ma alcuni meritano una cura e un impegno particolari per poter funzionare in altri mercati. Vediamo come.

Cos’è la localizzazione

Quando parliamo di localizzazione in ambito di internazionalizzazione d’impresa parliamo di un processo che si applica a servizi e prodotti, fisici e digitali, che devono essere adattati per conservare la loro efficacia presso un pubblico che si trova in un altro paese, parla e pensa in maniera diversa. È un’azione ampia, di cui la traduzione e l’adattamento dei testi costituiscono solo una parte.

La localizzazione si può applicare a prodotti fisici, come ad esempio l’abbigliamento o le calzature: tutti conosciamo la difficoltà di decifrare la taglia di un pantalone o la misura di una scarpa quando le etichette e le confezioni riportano numeri che a noi non dicono nulla. In questo caso siamo alle prese con un prodotto e un packaging che non sono stati localizzati. O ancora, pensiamo alle automobili e a come le case produttrici devono conformarsi alle normative in vigore nei diversi paesi.

Tuttavia, la localizzazione riguarda soprattutto i prodotti digitali che continuamente consumiamo: software, siti web, interfacce e altri servizi. Prodotti basati su testi e parole da trattare con speciale attenzione.

La localizzazione è la conseguenza del processo di globalizzazione che ha fatto esplodere gli scambi commerciali tra i paesi del mondo. Questo ha comportato l’esigenza di progettare prodotti e servizi globalizzati, ovvero pensati fin dall’inizio per potersi adattare a diversi paesi target. Un processo complesso, che coinvolge professionalità diverse: dalla progettazione del prodotto o servizio alla vendita, dai programmatori e sviluppatori web al fornitore di servizi linguistici, per concludere con grafici, tester, agenti e pubblicitari.

Perché localizzare?

Tutto ruota attorno al pubblico di destinazione. Com’è la realtà in cui si trova? Potrebbe essere molto diversa dal contesto in cui è stato sviluppato il prodotto, oppure presentare differenze molto sottili, ma determinanti, che solo un esperto di comunicazione interculturale può individuare.

La localizzazione serve dunque a rendere efficaci i prodotti, i servizi e i testi anche all’estero. Questi dovranno avere per l’utente o il lettore del mercato target la stessa utilità, la stessa fruibilità e suscitare le stesse emozioni e reazioni del testo e prodotto di partenza. Un risultato che non sempre si raggiunge con la sola traduzione.

Naturalmente, il processo può essere più o meno profondo: alcuni passi sono imprescindibili se si vuole esportare (adattare le unità di misura, adeguarsi alle normative e ai requisiti locali), mentre altri aspetti della comunicazione sono meno vincolanti e dipendono anche da come si vuole essere percepiti all’estero: vogliamo che la nostra immagine e il nostro prodotto sembrino nati e cresciuti nel mercato target o piuttosto mantenere un’aura più esotica e insolita per il pubblico? Non c’è una risposta giusta o sbagliata: ma deve essere frutto di una strategia ponderata e non per soli fini di risparmio!

Dove si applica la localizzazione

La localizzazione di testi si applica generalmente a questi ambiti:

  • Siti web
  • Testi per il marketing offline
  • Annunci online (SEA) e promozioni
  • Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Interfacce
  • User experience
  • Chatbot
  • Packaging
  • Guide, manuali
  • Videogiochi

Come si localizzano i testi

Costruire una strategia a monte è fondamentale. Sarà necessario tenere conto innanzitutto di eventuali requisiti legali che riguardano un prodotto o un servizio: ad esempio, indicazione degli ingredienti, contratti d’uso, rispetto della privacy ecc.

Bisogna poi considerare l’opportunità di adattare colori, immagini e suoni; tenere presente tutti gli aspetti culturali, religiosi e politici che potrebbero essere implicati nel nostro prodotto o servizio. Non serve andare troppo lontano: anche nella piccola Europa, pensiamo a quante differenze ci sono riguardo alle sensibilità religiose, alle tradizioni, alle percezioni della gerarchia o della comunità, alla percentuale di popolazione immigrata da altri continenti.

Nella traduzione dei testi, è fondamentale partire da un brief che contenga tutte le indicazioni necessarie come la guida di stile aziendale, la lista delle keyword scelte per il sito, le istruzioni per la transcreazione ed eventuali richieste delle filiali o degli agenti esteri. Il team di traduttori si baserà sulle indicazioni ricevute per tradurre, rielaborare e adattare i testi. Seguono l’inserimento nel layout grafico e nell’ambiente digitale, i controlli, i test di usabilità e il confronto con agenti, manager e pubblicitari esteri. Per tutto questo occorrono competenze specifiche, i giusti strumenti informatici e lavoro di squadra.

Alcuni consigli:

  • Delimita esattamente il tuo pubblico target. La tentazione di voler parlare a tutto il mondo è forte, ma allora dovrai optare per una comunicazione più piatta e meno coinvolgente. Per guadagnare fiducia, dovrai far sentire l’utente a proprio agio.
  • Parti da una progettazione del tuo prodotto o servizio che sia culturalmente neutra, in modo che poi sia più facile adattarla a ciascun mercato.
  • Non dimenticare l’ottimizzazione per i motori di ricerca, per testi che piacciono ai lettori e che si fanno trovare.
  • Accertati che il tuo sito web sia strutturato per poter “accogliere” altre lingue, che si adatti a testi più lunghi o più brevi, eventualmente anche con altri sistemi di scrittura.
  • Accertati che chi traduce riceva tutte le informazioni necessarie, come gli obiettivi del progetto, le indicazioni sulla personalità e i valori dell’azienda, il layout che si intende creare e le interazioni tra parole, immagini, suoni e video.

Conclusione del progetto di localizzazione

A dire il vero, un progetto di localizzazione generalmente non si conclude. I software vengono continuamente aggiornati, i siti rimaneggiati, SEO e SEA devono essere regolarmente rinnovati. Per questo è bene pensare a lungo termine e ponderare bene la scelta dei partner per un servizio continuativo e all’altezza degli sforzi impiegati.


Dicono spesso che la traduzione crea ponti tra lingue e culture. Ma a cosa serve un ponte, se dall’altra parte la strada finisce? La giusta strategia di localizzazione, invece, permette ai tuoi prodotti e alle tue parole non solo di arrivare lontano, ma di camminare sulle proprie gambe in nuovi territori, parlando alle persone e costruendo relazioni.

X
X

Richiedi un preventivo di traduzione

Risponderemo entro una giornata. Ti chiediamo di compilare il modulo con alcune informazioni che ci serviranno a capire meglio ciò che ti serve.

 

    Nome e cognome *:

    Privato o azienda *:
    privatoazienda

    Azienda di appartenenza:

    Provincia/Stato estero *:

    Telefono *:

    e-mail *:

    Lingua di partenza*:

    Lingua d’arrivo*:

    Tipo di documento da tradurre *:

    (es: sito web, brochure, manuale, certificato, atto, …)

    Ambito:

    (es: arredamento, siderurgia, abbigliamento, enologia, …)

    Volume:

    (es: numero di parole, numero di caratteri, …)

    Messaggio:

    Dichiaro di accettare la privacy policy

    Richiedi un preventivo gratuito

    Ti accompagneremo in tutte le fasi: prima, durante e dopo la traduzione. Un servizio completo, con un valore aggiunto che fa la differenza.

    Iscrivimi alla Newsletter

    Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

    privacy policy

    Per favore, non copiare! Please do not copy!